Home

 

 DSF2879

In una cuna di verde, adagiato tra le falde occidentali del Monte Cairo, il versante settentrionale del Monte Asprano e il morbido gioco delle tondeggianti cime del Ciamurro, Grotta, Forcella, Monticello, Occhio, a 540 metri di altitudine, si raccoglie un nido di tetti: Colle San Magno. Il centro storico si rigira stretto e perfino angusto intorno alla torre dell'antico maniero e alla chiesa parrocchiale; poi si amplia in più largo respiro a piazza Umberto I, modulata tra i palazzi di imponente fattura ottocentesca, la moderna fontana, il carro armato del monumento ai caduti, Corso Umberto con la Casa Comunale.

La monumentale fontana in piazza Umberto I fu eretta con la costruzione dell'acquedotto comunale che addusse l'acqua della Forma, nel 1928. L'opera architettonica è di chiaro stile neo-imperiale tipico dell'arte classica rievocata da Mussolini. Nei pilastri dell'esedra si leggono ancora lo stemma del fascio littorio, nonostante l'abrasione dell'ascia e la data: A VI, cioè anno sesto dell'era fascista, iniziata con la marcia su Roma, nel 1922. L'area utilizzata dall'attuale edilizia, smagliante di colori, è sull'amena collina di Marrone e guarda di là Monte Cairo e di qua Monte Asprano, sul cui dorso Cantalupo sembra dormire il lungo sonno della sua storia, ancor fermo al giorno in cui sulla terra ignuda si addormentò il candido suo figlio, l'eremita Buono, il quale ora riposa al riparo della chiesa parrocchiale in Colle.
Si sale a Colle San Magno per Roccasecca. Un percorso d'asfalto che si snoda in ripidi tornanti. A destra della salita si staglia evidente e rappresentativo, come in una antica cartolina, il profilo del Castello di Roccasecca, con la sua torre cilindrica, con le mura di cinta digradanti nei suoi torrioni possenti. E più oltre il profilo continua con la cresta frastagliata di Monte Asprano, i ruderi appena individuabili del primitivo Castello di Castrocielo. Si arriva quasi di soppiatto sul paese che prima, durante la salita, appariva e scompariva alla vista. Si ammirano per prima le ampie spalle di Monte Cairo interamente ricoperte del villoso mantello della forestale vegetazione. Un gioco morbido di monti intorno intorno, un gioco di valli, che occludono ogni panoramica visuale, per fare più azzurro e più profondo il cielo. Dopo aver lasciato a destra Cantalupo, si circuisce il paese e si è attratti innanzitutto dalla Torre Medievale, ancor vigile e dominante.
Dalla zona più antica del Castello, passando davanti la Chiesa Parrocchiale, dedicata a San Magno vescovo e martire, si attraversa il paese per via Meridiana, poi dedicata a Domenico Di Murro, il diciannovenne Collacciano, eroe della prima guerra mondiale, morto sul Col di Lana, nel Veneto. In ambo i lati di questa via centrale, in gergo chiamata "mmése gliù Colle", si snoda una sequela di strade minori e vicoli intersecanti, che penetrano capillarmente in tutto il tessuto urbano, di chiara fattura medievale; e poi sipporti; piccole scale esterne; cippi litei, con alla sommità l'immancabile catena a cui si legava in sosta il cavallo, o l'asino, o il mulo; archi e portali con stipiti di pietra, artisticamente scolpiti, a tutto sesto per lo più, qualcuno in elegante sesto acuto.

TOP